Quale Latino

Quando parliamo di Latino, prima di ogni cosa, dobbiamo essere coscienti del fatto che il Latino non fu uno solo, anche se l’insegnamento ricevuto a scuola ci ha potuto portare involontariamente a pensare ciò. Il latino che abbiamo studiato a scuola presenta delle caratteristiche particolari: innazitutto è un Latino dell’età classica; poi è un Latino da “gente colta”; per di più è un latino scritto.
Ma il Latino:

Que tal este decorado de uñas?

a) come qualsiasi lingua, ha subito una evoluzione, dei cambiamenti, nel corso degli anni;

b) parlato dal popolo, doveva essere abbastanza diverso da quello usato dagli uomini di cultura;

c) nella sua forma scritta, doveva differire non poco da quella parlata;

d) si differenziava anche a seconda del territorio.

Claves para conseguir una piel tersa como una rosa

Daltronde possiamo facilmente comprendere tali differenze se pensiamo a quelle che esistono tra l’Italiano del 1700 e quello attuale; tra l’Italiano che ascoltiamo nei convegni culturali e quello che possiamo captare in un quartiere popolare (sempre che non sia dialetto …); tra l’italiano che noi stessi parliamo in famiglia o con gli amici e quello che leggiamo sui libri; tra l’italiano di Lombardia e l’italiano di Sicilia.

Il Latino che arrivò in Sicilia in seguito alla conquista romana, vi arrivò con un processo senz’altro lento e lungo.

(questa sezione sarà successivamente ampliata)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>